Nucleo Presidio Territorio

Responsabile Nucleo: Commissario Giuseppe Martorana (Vice Comandante) e Commissario Giuseppe Cattoretti
.
Le attività e le funzioni svolte dalle unità esterne della Polizia Locale:

GLI ACCERTAMENTI – LE VERIFICHE – LE INDAGINI
Il Corpo di Polizia Locale svolge attività di accertamento in parte per gli Uffici esterni (Tribunale, Prefettura, Questura ecc.) ed in parte per il completamento delle pratiche amministrative di competenza degli uffici comunali (anagrafe, commercio, edilizia, ecc.)

illustrazione polizia locale01


LA POLIZIA URBANA
Servizio che attende alla tutela dell’integrità del pubblico demanio comunale e a quella di un decoroso svolgimento della vita pubblica nonché alla garanzia delle libertà dei singoli cittadini, alla loro sicurezza e al disciplinato andamento dei pubblici servizi, comprendendo normalmente i seguenti gruppi di norme di cui si dà un breve stralcio e che sono contenute integralmente nel Regolamento di Polizia Urbana.
Sicurezza e qualità dell’ambiente urbano: concerne la manutenzione e la stabilità degli edifici sia privati che pubblici; il divieto di abbandono dei rifiuti e l’obbligo di utilizzo dei contenitori e/o centri predisposti per la raccolta differenziata, il divieto di esposizione di alcune merci sul suolo pubblico; il divieto di deturpare le facciate delle case, dei monumenti, dei giardini e dei viali; norme per la salvaguardia del verde pubblico e privato.
Uso del suolo pubblico: controllo per le occupazioni temporanee del suolo pubblico per l’effettuazione di traslochi, carico e scarico di materiali (merci varie, legna da ardere, ecc.) e per le autorizzazioni in occasione di spettacoli viaggianti; installazione di strutture pubblicitarie, manifestazioni; rimozione di opere abusive…
Quiete pubblica e privata: divieto di suoni e schiamazzi nelle pubbliche vie; condizioni e limiti per l’impianto e l’esercizio di industrie rumorose ed incomode; rumori e suoni negli esercizi pubblici, nelle ore notturne; nelle private abitazioni, limiti all’uso delle apparecchiature ad uso domestico che producono rumore, degli apparecchi televisivi e radiofonici, di strumenti musicali; norme per i dispositivi acustici antifurto; inquinamento acustico in generale.
Protezione e tutela degli animali: divieto di abbandono degli animali domestici; protezione della fauna selvatica; divieto di detenere animali molesti; l’obbligo di condurre i cani al guinzaglio e muniti di museruola; l’obbligo di munirsi di idonea attrezzatura per la raccolta delle deiezioni; divieti e limiti per la detenzioni di animali di allevamento; misure di cattura e monitoraggio sanitario per gli animali liberi, in collaborazione con il personale ASL del Servizio di Medicina Veterinaria.
Esercizi Pubblici: norme relative all’obbligo di esposizione di tabelle recanti menù e prezzi; l’obbligo di essere dotati di servizi igienici da tenersi a disposizione degli utenti.

Puoi approfondire e scaricare il Nuovo Regolamento di polizia urbana


I SERVIZI DI POLIZIA STRADALE
Costituiscono servizi di polizia stradale:
• la prevenzione e l’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, programmazione di servizi di vigilanza e pattugliamenti del territorio sia urbano che extra-urbano, (percorsi di collegamento alle arterie quali S.S. 33 “del Sempione”, vie di collegamento al Parco del Ticino; S.S. 336 “Superstrada Malpensa”, ecc) compreso la cura e la gestione dei verbali, successiva alla loro redazione (notifiche, riscossione, trattazione ricorsi, messa a ruolo, ecc…);
• la rilevazione degli incidenti stradali, consistente nell’esecuzione di tutti gli accertamenti tecnici, dei rilievi, degli ulteriori accertamenti successivi (prove testimoniali, dichiarazioni delle parti, ecc. ) utili alla ricostruzione della dinamica dell’incidente, con il conseguente accertamento delle eventuali violazioni commesse dalle parti, curando in seguito l’invio, se necessario, degli atti all’Autorità Giudiziaria e le eventuali pratiche di richiesta di copie dei verbali prodotte dagli interessati;
• la predisposizione e l’esecuzione dei servizi diretti a regolare il traffico e atti ad agevolare lo scorrimento della circolazione sia dei veicoli che dei pedoni;
• la scorta per la sicurezza della circolazione, in riferimento ai trasporti;
• la tutela ed il controllo sull’uso delle strade, servizio che è diretto a garantire che la strada venga usata con modalità consone al fine principale cui la stessa deve assolvere, cioè la circolazione veicolare e pedonale, garantendo l’osservanza del Codice della Strada.


LA VIGILANZA SCOLASTICA E L’EDUCAZIONE STRADALE
Il servizio di viabilità espletato principalmente dai “Nonni Vigili” e dagli agenti della Polizia Locale presso le Scuole Primarie e Secondarie all’entrata e all’uscita dalla scuola dei bambini.
La Polizia Locale interviene anche nelle scuole con lezioni di educazione stradale (dai 3 ai 14 anni) per l’apprendimento delle principali regole che riguardano il pedone, ciclista e ciclomotorista.
Tiene corsi di recupero punti patente di guida.
Per info sui corsi di recupero punti, sulla possibilità di prestare servizio come nonno vigile, sull’educazione stradale nelle scuole, consulta la sezione Segreteria.


VIOLAZIONE DI LEGGI E REGOLAMENTI SPECIALI
La Polizia Locale, oltre ad assicurare il controllo della circolazione e il rispetto del Codice della Strada, svolge compiti di polizia edilizia, annonaria, ambientale e amministrativa che comportano l’applicazione di numerosi leggi e regolamenti.
Ad essa spetta, tra l’altro, il compito di far rispettare tutti i regolamenti comunali e le ordinanze del Sindaco.


LA TUTELA DEL DECORO URBANO, DELLA SICUREZZA E DELLA VIVIBILITA’ URBANA
La Polizia Locale svolge l’attività di prevenzione e repressione degli illeciti di natura amministrativa e penale contro chi si rende responsabile di violazioni che incidono sulla sicurezza e il decoro urbano.

Ti possono interessare le Ordinanze Sindacali contingibili e urgenti emesse nel corso del 2017:

Ordinanza Sindacale Sicurezza e Decoro-1

Ordinanza Sindacale Sicurezza e Decoro-4


LA VIGILANZA EDILIZIA
Questa è una materia in cui la Polizia Locale si avvale, per motivi strettamente tecnici, dell’ausilio di personale dell’Ufficio Tecnico Comunale o dei tecnici dell’Ufficio Edilizia Privata del Settore Programmazione Territoriale. La sfera della vigilanza urbanistico – edilizia ricade in parte nel campo della polizia amministrativa ed in parte, essendo alcuni abusi trattati dal Codice Penale, nel campo della polizia giudiziaria. L’azione della Polizia Locale, nel settore edilizio, si svolge sia di propria iniziativa che dietro esposti presentati dai cittadini; il servizio viene espletato principalmente effettuando un costante controllo del territorio, verificando l’esistenza di atti autorizzativi, controllando la tenuta del cantiere (con uno sguardo attento alla sicurezza dei lavoratori) e la presenza delle previste misure di sicurezza, la presenza dei regolamentari cartelli, degli elaborati tecnici e di quanto altro la legge ed i regolamenti prevedono per la materia edilizia. Oltre al controllo del territorio, e quindi ad un lavoro espletato all’esterno, l’operatore di Polizia Locale effettua anche un lavoro d’ufficio, quale il controllo delle pratiche tecniche ed amministrative legate all’oggetto dell’accertamento, la preparazione, nonché la trasmissione, degli atti relativi agli accertamenti effettuati alle competenti autorità amministrative e giudiziarie. In casi specifici, l’operatore di P.L. mette in atto tutta una serie di dispositivi urgenti atti a porre fine all’abuso edilizio, quali ad esempio: il fermo dei lavori, la chiusura di cantieri, i sequestri probatori o cautelativi, l’affissione di cartelli, la posa di sigilli, i rilievi fotografici, le indagini.


illustrazione polizia locale 03
LA VIGILANZA AMBIENTALE
Il campo d’intervento della polizia locale è la tutela dell’ambiente nel senso più ampio del termine (aria, acqua, suolo, inquinamento acustico). Il personale della Polizia Locale chiamato ad intervenire per problemi di natura ambientale deve garantire un primo accertamento, coinvolgendo senza indugio l’organo competente: in caso di intervento sollecito di quest’ultimo, esso si limita a relazionare su quanto svolto fino a quel momento e quindi gli ulteriori accertamenti sono demandati ad altri; in caso, invece, di mancato intervento di detto organo, il personale della P.L. porta avanti i controlli ponendo in atto tutta una serie di interventi usufruendo, quando del caso, anche dell’ausilio di personale tecnico specializzato esterno al Comando. E’ necessario, comunque, che vengano inoltrate al più presto tutte le segnalazioni agli organi competenti al controllo, nonché agli enti che possono o debbono adottare provvedimenti in conseguenza di quanto accertato. Nel caso di ipotesi di reato, il Comando di P.L. deve mettere in atto ulteriori provvedimenti cautelativi quali il sequestro del bene o della cosa in genere che ha provocato e/o provoca ancora l’inquinamento; in questo caso, il Comando, deve anche provvedere ad informare la competente Procura della Repubblica (notizia di reato, convalida di sequestro, atti d’indagine).


Documenti allegati